Ortinti Segni

LIBRO

disegni b/n e saggio introduttivo: Massimo Gerardo Carrese

numero pagine: 53

impaginazione: a cura di Massimo Gerardo Carrese

dimensioni (appros.): largh.15cm x alt.21cm

caratteristiche: carta 150g patinata opaca

Anno di pubblicazione: 2014

 

quaderno realizzato artigianalmente

 

 

9 disponibili

Descrizione

Che cosa sono gli Ortinti Segni?

Una scritta o un disegno può rappresentare anche qualcos’altro da ciò che immediatamente mostra ai sensi. Non mi riferisco alle illusioni ottiche o agli ambigrammi, né alle frasi autoreferenziali («questa frase è falsa») e neppure ai bifronti (acetone-enoteca). L’ambiguità che ho in mente è quella delle crittografie visive (crittogrammi = scrittura nascosta): disegni figurativi o astratti formati da sole lettere che, opportunamente riordinate, compongono una parola o, nei casi più impegnativi, un’intera frase.

Nella crittografia visiva le lettere dell’alfabeto non si mostrano più nella loro forma abituale ma, pur restando riconoscibili o perlomeno interpretabili, sono allungate, rimpicciolite, allargate, ristrette, ruotate, disposte a specchio. L’alterazione delle lettere, che varia a seconda del disegno, è necessaria al fine di creare un’immagine che nasconda un rompicapo linguistico da risolvere.

Chiamo le crittografie visive, iconiche o astratte, ortinti segni: una mia espressione che significa “ortografie di segni dipinti”. La parola “ortinti” nasce dall’unione delle iniziali di “ortografie” e dalle finali di “dipinti”.

L’Ortinto Segno è unicamente formato dalle lettere della parola nascosta: nel quadro alfabetico non vi sono altri segni grafici (si gioca con le sole lettere tracciate e non con le forme somiglianti a lettere che nascono tra gli spazi bianchi di uno o più segni).

Ogni Ortinto Segno può nascondere (contemporaneamente) più di una parola italiana ma anche parole straniere: in lingua inglese, francese, spagnola, tedesca…dipende dal quadro in gioco!

Nel libro la spiegazione completa del gioco, con un saggio introduttivo e quadri alfabetici da risolvere e da condividere.   

La scritta in copertina “Ortinti Segni” è formata a sua volta da altri ortinti segni: per esempio, se osservate la lettera “R” scoprirete che è composta da una “L” e poi c’è una “P”e  poi ancora….

Sono in arrivo gli “Ortinti Segni alfabetici”: lettere alfabetiche che nascondono parole. 

MGC

 

Nota: Laboratori di scrittura creativa e docenti di scuole di ogni ordine e grado, impiegano gli Ortinti Segni dell’autore (e altri loro lavori originali) per lo svolgimento delle attività didattiche e ri-creative.

Su progetto esclusivo, l’autore realizza Ortinti Segni personalizzati (anche in legno).

 

Nota: gli Ortinti Segni sono anche in legno (vedi figura, dimensioni variabili, foglio A4-A3). Ideazione, disegno e progetto: Massimo Gerardo Carrese. Realizzazione: Nino Santabarbara, artigiano del legno. Gli Ortinti Segni Tridimensionali sono acquistabili solo allo stand Ngurzu Edizioni. 

Ngurzu Edizioni 5 Massimo Gerardo Carrese

part-2-ortinto-segno-massimo-gerardo-carrese-ngurzu-edizioni
Ortinti Segni, un progetto di MGC
part-1-ortinto-segno-massimo-gerardo-carrese-ngurzu-edizioni
Ortinti Segni, un progetto di MGC
fase-di-lavorazione-ortinto-segno-in-legno-massimo-gerardo-carrese-ngurzu-edizioni
lavorazione legno Ortinto Segno Tridimensionale. Ideazione, disegno e progetto MGC, lavorazione legno Nino Santabarbara

 

 

NGURZU EDIZIONI: LAVORO ARTIGIANALE

Le pubblicazioni Ngurzu Edizioni, di proprietà intellettuale di Massimo Gerardo Carrese, sono a tiratura limitata, realizzate artigianalmente su indicazione dell’autore. 

Oltre al lavoro svolto dalle macchine (taglio carta, stampa digitale, calibratura legno…), le opere Ngurzu Edizioni sono realizzate a mano, a uno a uno: fascicolazione, battitura, chiusura con punte metalliche, carteggio, applicazione bottoni in legno….

Ogni titolo in catalogo è esteticamente diverso dall’altro: le piccole imperfezioni e le differenze sono la riconoscibilità del lavoro artigianale. I titoli Ngurzu Edizioni nascono con la collaborazione dell’artigiano del legno Nino Santabarbara e dello stampatore Giuseppe D’Abbruzzo.