Oulipo / Oplepo
regole per la creatività
Alliance Française di Bologna
20 gennaio 2012

All'incontro di Bologna, alla presenza di oplepiani e appassionati, Massimo Gerardo Carrese - in veste di  amico oplepiano - ha letto due sue contraintes: "Storie alfabetiche a coppia" e "Fine di un amore". 


Da sinistra: Domenico d'Oria (presidente Oplepo) e Massimo Gerardo Carrese


L'Oplepo

L'Oplepo (Opificio di Letteratura Potenziale) è un laboratorio letterario fondato rispettivamente a Capri nel 1990. Come l'Oulipo, nato a Parigi nel 1960, esso si ripromette di sperimentare nuove forme di scritture con l'applicazione di nuove contraintes.
La contrainte è ciò che qualsiasi elaborazione di testo sottende; è la regola seguita in ogni operazione di scrittura; è l'insieme di vincoli che, anche se non in modo palese, costringono l'autore di un'opera letteraria a esprimersi in una determinata maniera.
Le regole della metrica, la struttura di un romanzo d'amore, poliziesco o di avventure che sia, lo schema di un'opera di letteratura combinatoria o anche lo svolgersi delle azioni nella sceneggiatura di una soap-opera, sono tutte forme di contraintes non esplicite ovvero ormai tanto assimilate che più non se ne avverte la presenza.
Italo Calvino, in una delle sue Lezioni americane, l'ultima, quella sulla "molteplicità", accennò proprio al "miracolo di una poetica, apparentemente artificiosa e meccanica, che tuttavia può dare come risultato una libertà e una ricchezza inventiva inesauribile".
L'invenzione di nuove contraintes è l'obiettivo della "letteratura potenziale", è l'attività nella quale sono impegnati oulipiani e oplepiani. Il loro proposito è quello di scrivere costruendosi un labirinto di regole dal quale si propongono di uscire, è quello di inventare nuove strutture mostrandone il possibile sviluppo, almeno sotto l'aspetto morfologico, a prescindere quindi - inizialmente - dalla bontà del risultato, dalla sua validità estetica.
È così che la letteratura potenziale genera i suoi frutti, che non sono necessariamente compiuti lavori letterari ma possono diventarlo, in un secondo tempo, quando quella stuttura, nuovamente utilizzata, al pari di tante altre tradizionalmente accettate, potrà condurre a una vera e propria opera letteraria.
La letteratura potenziale italiana, oltre alle "Creazioni Ri-creazioni Ricreazioni" prettamente oulipiane, annovera già risultati formanti un repertorio ormai consolidato come Il castello dei destini incrociati e Se una notte d'inverno un viaggiatore di Italo Calvino, I sette cuori di Ermanno Cavazzoni, il Capriccio oplepiano di Edoardo Sanguineti, i Centomila miliardi di chimere di Maria Sebregondi, Verbalia di Marius Serra, l'Ellis Island di Robert Viscusi.

Sono oplepiani:
Elena Addòmine, Paolo Albani, Raffaele Aragona, Alessandra Berardi, Giulio Bizzarri, Anna Busetto Vicari, Ruggero Campagnoli, Ermanno Cavazzoni, Luca Chiti, Domenico D'Oria, Lorenzo Enriques, Brunella Eruli, Daniela Fabrizi, Piero Falchetta, Furio Honsell, Sal Kierkia, Marcio Maiocchi, Piergiorgio Odifreddi, Totò Radicchio, Edoardo Sanguineti, Maria Sebregondi, Marius Serra, Aldo Spinelli, Giuseppe Varaldo, Robert Viscusi, Giorgio Weiss.

Sono oulipiani:
Valérie Beaudouin. Claude Berge, Italo Calvino, Ross Chambers, Jacques Duchateau, Paul Fournel, Jacques Jouet, Hervé Le Tellier, Harry Mathews, Oskar Pastior, Jean Queval, Olivier Salon, Noël Arnaud, Marcel Bénabou, André Blavier, François Caradec, Stanley Chapman, Luc Etienne, Anne F. Garréta, Emmanuel Peille (Latis), Jean Lescure, Michèle Métail, Georges Perec, Pierre Rosenstiehl, Albert-Marie Schmidt, Michèle Audin, Jacques Bens, Paul Braffort, Bernard Cerquiglini, Marcel Duchamp, Frédéric Forte, Michelle Grangaud, François Le Lionnais, Daniel Levin Becker, Ian Monk, Raymond Queneau, Jacques Roubaud.

___



Storie alfabetiche a coppia
di Massimo Gerardo Carrese

gioco pubblicato  sul sito della Società Dante Alighieri Polonia, giugno 2012



Costruisco le storie alfabetiche a coppia unendo la prima e l'ultima lettera dell'alfabeto, la seconda e la penultima, la terza e la terzultima e così via fino ad avere 13 coppie:

A-Z
B-Y
C-X
D-W
E-V
F-U
G-T
H-S
I-R
J-Q
K-P
L-O
M-N

Per ogni coppia alfabetica mi limito a creare una storia di 26 parole perché 26 sono le lettere dell'alfabeto. Ogni racconto è di senso compiuto e si compone di sole inziali di lettere tratte dalla coppia alfabetica in gioco. Per rendere ancora più interessante la mia "crisi linguistica", mi sono dato una forte limitazione di base che riguarda l'uso consecutivo di una stessa lettera. Al fine di bilanciare la frequenza delle lettere nel testo ho deciso, in modo del tutto arbitrario, che la differenza matematica o scarto tra il numero di parole con le lettere più in uso da quelle meno frequenti deve essere sempre pari o inferiore a 5. Ciò vuol dire che si può cambiare la lettera della coppia, come minimo, ogni cinque parole. In questo modo la coppia alfabetica in uso risulta essere piuttosto equilibrata e non si rischia  di scrivere un testo con una lettera altamente dominante. Ho indicato lo scarto tra parentesi quadre.
Esiste anche il racconto perfetto, quello con lo scarto pari a O, ma quello lo lascio alla vostra "crisi linguistica". 


coppia alfabetica E-V
Definizione di "Erotismo"

Erotismo (egualmente Eros, Erotico): elettrizzante effusione ed esperienza extrasensoriale; vivace vortice verso variabili vertici. Essenzialmente è esperienza eccitante ed emozionante; voce vibrante; vertiginosa visione; vulnerabile voglia.
[E=15; V=11 --> scarto: 4]

coppia alfabetica G-T

Storia di coraggio

Giorgio, giovane gentiluomo, guerreggiò Gambalesta, temibile tagliaborse truccato. Tremante, trattenne teppista tra tumultuosi testimoni gettando grida; grossolane gomitate. Giacché giunse Giovanni, guardia giurata. Tutto tornò tranquillo!
[G=14; T=12 --> scarto: 2]

coppia alfabetica I-R

Bollettino di guerra. Al fronte

Insidiosa imboscata: incombe imminente invasione. Radarista ricoverato. Reclute rianimate. Retroguardia radunata. Rischio isolamento. Immediata incursione in interforze. Informatore inidoneo. Rapimenti, roghi, rivolte. Rancio ridotto. Riesplosa rivoluzione.
[I=12; R=14 --> scarto: 2]




___

Fine di un amore
versi ropalici, detti anche "a palla di neve", con involontario lipogramma in “h”
di Massimo Gerardo Carrese

gioco pubblicato  sul sito della Società Dante Alighieri Polonia, giugno 2012

Nel testo ci sono parole disposte in ordine crescente: la prima parola si compone di "una" lettera, la seconda di "due", la terza di "tre", la quarta di "quattro" fino ad arrivare all'ultima di "ventisette". 

Nel testo in corsivo, per fortuita coincidenza, non figura mai la lettera "h".

Premessa alla "fine di un amore" 

Una donna racconta a un'amica il proprio malessere sentimentale perché ha un compagno divenuto nel tempo troppo sognatore e irresponsabile. Dopo anni di fidanzamento, lei decide di lasciarlo. Lui, ormai impazzito e in preda a "crisi linguistiche", ogni mattina sceglie una parola per autoresponsabilizzarsi e decide quante volte ripeterla nell'arco dell'intera giornata.  

 

Fine di un amore

Lei, all'amica:

A me non dice altro: “Vivere, poetare, sentirsi sollevati, sbrigliati, spensierati, disimpegnati”.

Conversazioni emozionalmente raccapriccianti. Psicoanalizzarlo obbligatoriamente!!! Sprovincializzarlo... Professionalizzarlo spiritualisticamente!!! Corresponsabilizzarlo esistenzialisticamente!!!... intellettualisticamente...

Lei lo lascia. 

Lui con le sue "crisi linguistiche":

«Autoresponsabilizzazione. Quattrocentocinquantamila “precipitevolissimevolmente”. Incontrovertibilissimamente!».
 


___

vista ropalica del gioco:

A
m e
n o n
d  i  c e
a  l  t  r o
v  i  v  e r e
p o e  t  a r e
s  e  n  t  i r s i
s o l  l e  v a  t  i
s  b r  i  g l  i a  t  i
s p e n s  i e  r  a  t i
d i  s  i  m p e  g n a t i
c o n v e r  s a  z  i o n  i
e m o z i  o  n a  l m e n t e
r  a  c  c  a  p r  i c  c i  a n t i
p  s  i  c  o  a  n  a  l  i z z a r l o
o  b  b  l  i  g  a  t  o  r i  a  m e n t e
s  p  r  o  v  i  n  c  i  a  l  i z  z  a  r  l o
p  r  o  f  e  s  s  i  o  n  a  l  i  z  z  a  r  l o
s  p  i  r  i  t  u  a  l  i  s  t  i  c  a  m  e  n  t  e
c  o  r  r  e  s  p  o  n  s  a  b  i  l  i  z  z  a  r  l  o
e  s  i  s  t  e  n  z  i  a  l  i  s  t  i  c  a  m  e  n  t  e
i  n  t  e  l  l  e  t   t  u  a  l  i  s  t  i  c  a   m  e  n   t  e
a  u  t  o  r  e  s  p  o  n  s  a  b  i  l  i  z  z  a  z  i  o  n  e
q  u  a  t  t  r  o  c  e  n  t  o  c  i  n  q  u  a  n  t  a  m  i  l  a
p  r  e  c  i  p  i  t  e  v  o  l  i  s  s  i  m  e   v  o  l  m  e  n  t  e
i  n  c  o  n  t  r  o  v  e  r  t  i   b  i   l  i  s  s  i  m  a  m  e  n  t  e

___
Dettaglio alfanumerico:


A = 1 lettera
me = 2 lettere
non = 3 lettere
dice = 4 lettere
altro = 5 lettere
vivere = 6 lettere
poetare = 7 lettere
sentirsi = 8 lettere
sollevati = 9 lettere
sbrigliati = 10 lettere
spensierati = 11 lettere
disimpegnati = 12 lettere
conversazioni = 13 lettere
emozionalmente = 14 lettere
raccapriccianti = 15 lettere
psicoanalizzarlo = 16 lettere
obbligatoriamente = 17 lettere
sprovincializzarlo = 18 lettere
professionalizzarlo = 19 lettere
spiritualisticamente = 20 lettere
corresponsabilizzarlo = 21 lettere
esistenzialisticamente = 22 lettere
intellettualisticamente = 23 lettere
autoresponsabilizzazione = 24 lettere
quattrocentocinquantamila = 25 lettere
precipitevolissimevolmente = 26 lettere
incontrovertibilissimamente = 27 lettere



Da sinistra: Domenico d'Oria (presidente Oplepo) e Massimo Gerardo Carrese

Indietro

©2005-2018. Il sito www.fantasiologo.com è proprietà intellettuale di Massimo Gerardo Carrese. È vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e modo, di tutte le parti contenute in esso (immagini, sfondi, testi, musiche, poesie...) previa comunicazione scritta all'autore fantasiologo@fantasiologo.com Ogni abuso sarà punito a norma di legge.