MeDiA       


-

«[...] "Fantasia" e "immaginazione" sono parole comuni. Come lo sono "sedia", "libro", "pappagallo", "armadio". Quando le incontriamo, non ci chiediamo granché, le accogliamo con sufficiente comprensione. Ecco però una piccola meraviglia: se iniziamo a domandarci com'è fatta una sedia (immaginazione) e che cos'altro può diventare un pappagallo (fantasia), instauriamo un rapporto non più con la consuetudine ma con l'incertezza. Il nostro sguardo sul mondo si disorienta e germoglia la curiosità: per le cose, per le persone, per noi stessi. La curiosità è desiderio. È forse il "disiderio" che più ci manca mentre siamo al caldo delle nostre evidenze. [...]»

da M. G. Carrese, Il luogo equivoco, appunti instabili su fantasia e immaginazione, Ngurzu Edizioni, collana "I Saggi", in lavorazione

-
-


©2016 "lettere mimiche" di Massimo Gerardo Carrese (cartolina fantasiologica, Ngurzu Edizioni 2016)




M. G. C. sponsorizza un tipico nome da esperto e studioso (grazie al suffisso -logo, di antichissima e grecissima origine), che lo riguarda direttamente. M. G. C. si definisce fantasiologo, ovvero «studioso di storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione». Va detto che il nome è bello. [...] Poiché l'attività del fantasiologo mette in campo l'idea del gioco e, in particolare, del gioco linguistico, ci sentiamo di sostenere che il nome e l'attività rappresentano uno spiraglio divertente e intelligente in tempi di loquele e di azioni spesso funeste.[...]
da Enciclopedia Treccani Online, scheda di Silverio Novelli




Biografia
-
Massimo Gerardo Carrese. Studioso di Storie e caratteristiche dell'immaginazione e della fantasia (fantasiologo). Nasce nel 1978 a Thun (Svizzera). Si iscrive all'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale" dove dal 2001 al 2006 è assistente volontario di Letteratura Italiana. Si laurea con il massimo dei voti in Lingue e Letterature Straniere con una tesi dal titolo La ruota del tempo fantastico. Gianni Rodari e la traduzione della fantasia in cui traccia riflessioni sul tema della fantasia ideando un gioco linguistico-alfanumerico che chiama "La ruota del tempo fantastico". La "ruota" gli permette di analizzare le strutture perlopiù linguistiche della fantasia e di confrontare i risultati ottenuti dalle ricerche sul campo con alcune riflessioni dello scrittore Gianni Rodari. Nello stesso lavoro verifica, in ambito traduttivo, le alterazioni linguistico - simboliche dell'immaginazione.

Si occupa di immaginazione e di fantasia (definendosi fantasiologo - voce apparsa anche sul sito della Treccani in riferimento alla sua attività). Delle due facoltà, fantasia e immaginazione, ne studia e ricerca le storie, le caratteristiche, i meccanismi, le bizzarrie in ambito interdisciplinare, fantastico e quotidiano. In particolare, ne approfondisce gli aspetti in Linguistica (studio del Linguaggio e della Lingua umana) e Giochi (importanza scientifica e ri-creativa del gioco; possibilità ludiche, percettive, artistiche, musicali, potenziali del Segno).


Per Massimo Gerardo Carrese la fantasia è la facoltà del possibile, dell'ipotesi (dimostrabile, come per l'immaginazione, con esercizi verificabili. Lo studioso predilige però anche quel tipo di fantasia, che definisce "fantasticheria", non necessariamente da comprovare). L'immaginazione è la facoltà dell'azione, dell'agire con e tra le immagini conservate nella memoria. Fantasia e immaginazione non sono facoltà distinte ma complementari. Articolate sono le differenze per lo studioso tra immaginazione, fantasia, creatività, realtà, associazione, paradosso [per approfondire, consulta la pagina delle sue "pubblicazioni" o leggi un'INTERVISTA introduttiva alla fantasiologia].

Attivo già da prima, Carrese inizia ufficialmente nel 2005 svolgendo cicli di formazione, corsi e conferenze sulla fantasiologia in tutta Italia (e dal 2012 anche all'estero). La fantasiologia, per come intesa da Carrese, è un percorso di studio interdisciplinare dedito all'immaginazione e alla fantasia esplorate nel vivere quotidiano, nel fantastico, nelle discipline umanistiche, scientifiche, ludiche e artistiche. La fantasiologia è rivolta ai sensi e all'intuito ed è attratta da tutto: persone, parole, disegni, numeri, animali, oggetti, giochi, suoni...e procede aggiornandosi continuamente: non ci sono regole definitive ma definite di volta in volta. Si inoltra nell'ordinario, nell'inverosimile e nelle diverse forme del sapere, equilibrandosi instancabilmente. Ogni incontro fantasiologico è sempre diverso. La fantasiologia è uno sguardo, non una regola.

Realizza corsi in ambito universitarioscolastico (di ogni ordine e grado) e sociale secondo una performance interattiva: i partecipanti sono coinvolti attivamente con esercizi, dimostrazioni pratiche, riflessioni, giochi, discussioni.

Tra il 2006 e il 2007 organizza e cura il "Viaggio in Italia sulla Fantasia", ciclo di incontri nazionali in cui presenta le sue riflessioni in merito alla fantasia, all'immaginazione e al Panassurdismo, approccio interdisciplinare a carattere ludico ed esperienziale a cui dà vita nel 2005. Organizza e coordina altri suoi tour nazionali come "Conversazioni sulla Fantasia" (2008-2009), "Conferenze sulla Fantasia" (2011/2012) e Fantasticazioni - Storie dell'immaginazione e della fantasia (performance interattiva 2014/2015). Nel 2016 avvia un quinto tour culturale intitolato "Urubù" in cui presenta il suo catalogo fantasiologico Ngurzu Edizioni. Nello stesso anno attiva il progetto APC - Aziende Per la Cultura, corsi di formazione su fantasia e immaginazione (in cui racconta anche la creatività imprenditoriale e artigianale del suo territorio - alto casertano).
                                                                     

È membro di varie istituzioni e
cofondatore dell'Accademia dei Ludogrammatici (già attiva a Milano dal 1993-94), nata da un'idea di Michele Francipane.

Conduce ricerche sull'immaginario collettivo, in particolare indaga i modi di percepire e conservare nella mente concetti e parole. Oltre che a discuterne durante i suoi incontri e in varie pubblicazioni, invia i risultati delle sue ricerche/segnalazioni a editori, testate giornalistiche, conduttori televisivi, centri studi, settori commerciali e in più occasioni si è confrontato con i diretti interessati (es. la redazione di Topolino, settore marketing del Mulino Bianco - Barilla, Johnson & JohnsonNestlé...).

Nel 2006 attiva Ngurzu Edizioni che pubblica le sue opere distribuite in diverse B
iblioteche, Università, Scuole e Centri culturali del Mondo (es. Biblioteca Accademia della Crusca [Firenze], National Library [Edinburgo], Aarhus University [Danimarca], Biblioteca Nacional [Portogallo], Biblioteca di Stato di Mosca [Russia], Biblioteca Nazionale di Budapest [Ungheria], University of Wisconsin-Madison Libraries [U.S.A]...).
Per Ngurzu Edizioni pubblica i suoi studi, giochi, poesie e ricerche su fantasia e immaginazione. Le opere sono lavori artigianali realizzati, con l'aiuto di stampatori e artigiani, dallo stesso autore che ne cura le varie fasi: dall'ideazione e progettazione alla scelta della carta (o di altri materiali), dall'impaginazione all'illustrazione, dalla promozione alla distribuzione.

È musicista (improvvisatore), poeta onomaturgo (inventore di parole) e ludorimico (gioca con i suoni delle parole), autore di scritti su fantasia e immaginazione,
ideatore e curatore dell'enciclopedia fantasiologica Alfabetario dei Luoghi (Ngurzu Edizioni - dal 2016), del Festival fantasiologico e di azioni panassurde ("dimostrazioni panassurde"). È amico del gruppo OPLEPO (Opificio di Letteratura Potenziale) e inventore di giochi interdisciplinari che raggruppa sotto la definizione di "giochi fantasiologici": spaziali (come i suoi rompicapi "I Visibili"), matematici, linguistici, musicali....

Si interessa attivamente di Enigmistica (è anagrammista, con pseudonimo Algernon [ant. francese "con i baffi"]), di Cinema e di Arte Moderna e Contemporanea
È appassionato di rompicapi (che colleziona), di giochi di logica e di matemagica. Dipinge, adotta parole, disegna, spasseggia, fotografa e nel tempo libero pedala e viaggia(va) perlopiù in autostop.

Attualmente...qui
 








-
 
|
Diplomi poetici e Premi

Premi Enigmistici:
Premio di Enigmistica Radicale (L'Arca e L'Arco Editore, Nola giugno 2014);
- 9° Simposio Enigmistico Veneto. Frase anagrammata su incipit di Gabriele D'Annunzio (Padova, ottobre 2013)

Per le sue poesie giottose ha conseguito:
- Segnalazione di Merito Poetico al Premio Internazionale Firenze Capitale d'Europa 2013;
- Diploma poetico al  Premio Nazionale di Arti Letterarie (Torino);
- Diploma di merito poetico al Premio Letterario "Pianeta Arte Città di Misilmeri" (Palermo);
- Diploma poetico al Premio di Poesia Nazionale "Marilianum" (Napoli);
- Diploma di merito poetico al Premio Letterario di Poesia e Narrativa A.V.I.S. Capannoli (Pisa);
- Diploma di merito poetico al Concorso Nazionale di Poesia "L'universo di Leonardo" dell'Accademia Poetica di Cervinara (Avellino);
- Diploma poetico al IV Premio Internazionale di Poesia e Artistica "Marilianum" (Napoli);
- Diploma poetico al Premio Nazionale di Poesia e Narrativa "Daniela Bianco" di Bisceglie (Bari).




\-
Riconoscimenti

Premio Volturno 2016 
Benemerito alla Cultura (Caiazzo, 2016)

Diploma d'Onore e Medaglia d'Argento 
Conferito dall'Accademia Internazionale di Arte eLetteratura "Francesco Petrarca" (Roma, 2011)

Premio Apice 2011
Riconoscimento al merito poetico - Venaria Reale (Torino, 2011)

Attestato di merito Città di Caiazzo
"Per l'arte di giocare con le parole trasmettendoci il serio che insieme compongono". 8 marzo 2008

Premio Originalità Poetica
Premio speciale della giuria per l'originalità poetica al Concorso Letterario e Artistico Nazionale ed Internazionale "I colori della Vita" (Roma, 2006)

Premio Originalità Linguistica
Menzione poetica speciale per l'originalità linguistica al Premio "Le Groane" di Arese (Milano, 2006)

\/


LA PAROLA "FANTASIOLOGO"

Fantasiologo. Parola inventata da Massimo Gerardo Carrese? No. 

La presenza della voce "fantasiologo" risale già al 1987 in un'intervista apparsa su "Panorama" a Gianni Guadalupi, indicato come fantasiologo: "[…] a cura di Gianni Guadalupi, un ‘fantasiologo’, come lui stesso si definisce da quando si è inventato la sua specializzazione, quella di moderno scopritore di viaggi esotici” […] “Com’è nata la sua passione di ‘fantasiologo’?” [...]

Oggi, la voce “fantasiologo” appare in Rete e suoi giornali a indicare esclusivamente (o quasi) il lavoro di Massimo Gerardo Carrese che, a tempo pieno, svolge la professione di “fantasiologo”, da lui intesa come studioso di Storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione

Sul motore di ricerca Google Italia, figurano oltre 3.000 risultati alla voce "fantasiologo" per Massimo Gerardo Carrese. 

Sempre riferiti a Carrese, anche le varianti "phantasiologue" (in francese) e "fantasiologist" (in inglese), verificabili sui motori Google in inglese, francese, tedesco...

L'autore cura una "rassegna stampa" (quotidiani nazionali, locali, portali d'informazione): dal 2006 raccoglie una selezione delle notizie dedicate alla sua attività fantasiologica.

"Qui è dove non sono mai stati" (febbraio 2017)

/|

PRESENZE della parola "fantasiologo"

alcune attestazioni (in ordine sparso) riguardanti la voce "fantasiologo" in riferimento a Massimo Gerardo Carrese (per approfondimenti RASSEGNA STAMPA)

"M. G. C. sponsorizza un tipico nome da esperto e studioso (grazie al suffisso -logo, di antichissima e grecissima origine), che lo riguarda direttamente. M. G. C. si definisce fantasiologo, ovvero «studioso di storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione». Va detto che il nome è bello. [...] Poiché l'attività del fantasiologo mette in campo l'idea del gioco e, in particolare, del gioco linguistico, ci sentiamo di sostenere che il nome e l'attività rappresentano uno spiraglio divertente e intelligente in tempi di loquele e di azioni spesso funeste. One-man-word,per dir così, M. G. C. non ha ancora eredi in grado di propagare l'uso del nome, svincolandolo dalla propria persona. Vediamo di dargli una mano." [Enciclopedia Treccani Online, Silverio Novelli, maggio 2015]

"Lui si definisce un fantasiologo, uno studioso di storie e caratteristiche della fantasia e dell'immaginazione. [...]" (“L'Alfabetario dei luoghi del fantasiologo Carrese", Il Mattino, 16 febbraio 2017, Maria Beatrice Crisci)

“E tu che mestiere fai? Il fantasiologo. Una nuova figura professionale si affaccia sul mondo del lavoro. Il fantasiologo è uno studioso di storia e caratteristiche della fantasia collegate alla linguistica generale. Questa almeno è la definizione data da uno di loro (per ora non sono molti), il professor Massimo Gerardo Carrese, che ormai da 7 anni tiene corsi e conferenze sulla materia, non solo agli studenti ma anche e soprattutto ai professori […].” (“La fantasia in cattedra”, La Repubblica - Roma, 13 marzo 2012, Laura Laurenzi)

“[…] Massimo Gerardo Carrese, un linguistica che si definisce “fantasiologo”, un guru della parola e del vocabolario” (“Quel ‘giocoliere’ delle parole capace di tradurre la fantasia", Corriere del Mezzogiorno, 30 giugno 2006, Franco Tontoli)

"[...] E' l'Alfabetario dei Luoghi del fantasiologo Massimo Gerardo Carrese che spiega come visitare un luogo seguendo le 26 lettere dell'alfabeto (“Adesso i luoghi da visitare in Campania si scoprono con l'Alfabetario di Carrese", Il Mattino, 24 dicembre 2016)

“[…]L'esperto in "fantasiologia" è Massimo Gerardo Carrese, studioso di storia e caratteri della fantasia, di linguistica generale e di giochi di parole; proprio in tal senso, egli si definisce un ‘fantasiologo’. […]” (“Fantasiologo in cattedra all’Istituto di Torrecuso, Il Mattino – Avellino, 11 giugno 2011 Michela di Maina)

“Incontrare un «fantasiologo» per rispondere alle domande «Cos'è la fantasia? Esiste una storia della fantasia? Chi ne ha di più, gli adulti o i bambini? E da dove nasce la fantasia? È femminile o maschile?». […] Gli incontri del fantasiologo Carrese sono caratterizzati da una attiva interazione con il pubblico, vero protagonista, chiamato a partecipare in prima persona con dimostrazioni pratiche alle discussioni sulla fantasia che spaziano da Platone a Gianni Rodari, dall'assurdo alla logica, dal gioco alla didattica. Massimo Gerardo Carrese illustrerà le bizzarrie, le contraddizioni, i meccanismi della fantasia da lui intesa non solo come importante momento ludico e di evasione dal circostante, ma anche come realtà che l'uomo costruisce e in cui vive e si definisce.”[…] (“Salerno, tutti pazzi per il ‘fantasiologo’, Corriere del Mezzogiorno, 7 febbraio 2012, Redazione online)

[...] quanto dimostra il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese, studioso di Storie e caratteristiche della fantasia e dell'immaginazione [...] (“Presentazione Alfabetario dei Luoghi, Il Denaro, 19 gennaio 2017)

“Si autodefinisce un "fantasiologo", ovvero uno "studioso della fantasia", delle sue applicazioni pratiche, teoriche e sperimentali. Massimo Gerardo Carrese ha così trasformato la sua passione per quello che chiama "non solo un importante momento ludico o di evasione ma la realtà stessa entro cui l’uomo vive" in una vera e propria professione e dal 2006 gira l’Italia con le sue "Conversazioni sulla Fantasia". «Vivo esclusivamente di fantasia - spiega -, in tutti i sensi. Essa è fonte vitale per l’essere umano». Nei suoi incontri Carrese parla della fantasia illustrandone le caratteristiche nell’ambito della vita quotidiana e delle discipline umanistiche, scientifiche, artistiche e ludiche. Dai giochi linguistici agli errori dei vocabolari, dalla stregoneria alle discussioni filosofiche, dai padri delle letterature agli autori stravaganti, dalla quotidianità dell’immaginazione alle insolite connessioni, passando per l’arte, la musica, la poesia, l’assurdo. «Nei miei incontri e corsi cerco di trasmettere questa mia passione non attraverso monologhi, ma coinvolgendo attivamente le persone che intervengono con loro riflessioni circa gli argomenti che propongo o che nascono lì al momento. Nelle conversazioni si parla di tutto ciò che è fantasia - continua -, naturalmente a grandi linee perché poi le tematiche nello specifico vengono trattate nei miei corsi». […]” (“La realtà, l’assurdo e la vita – Il personaggio. A colloquio con il ‘fantasiologo’ Massimo Carrese, La Sicilia, 6 maggio 2009 Salvo Cataldo)

“[…] Carrese è un conoscitore della fantasia in ambito umanistico, scientifico, ludico e artistico; in tal senso si definisce un ‘fantasiologo’, cioè uno studioso insieme di linguistica, storie della fantasia e giochi di parole.” (“A scuola arriva il ‘fantasiologo’, docenti a lezione di creatività”, Il Mattino – Avellino, 2 marzo 2011 Redazione)

“[…] il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese parla di fantasia, giochi enigmistici e letterari […]” (Agenda, Repubblica – Napoli, 21 dicembre 2012 Redazione)

"[...] l'Alfabetario dei Luoghi del fantasiologo Massimo Gerardo Carrese che spiega come visitare un luogo seguendo le 26 lettere dell'alfabeto. [...] ("Il Mattino - Caserta, 24 dicembre 2016)

“[…] il fantasiologo Gerardo Massimo Carrese […] parteciperà all’incontro «Le meraviglie del gioco», dibattito sullo sviluppo creativo e fantasioso delle parole […]” (Appuntamenti, Corriere del Mezzogiorno, 13 ottobre 2012 Redazione)

“[…] il ‘Convegno Nazionale sull’Immaginario Linguistico – Viaggio in Italia sulla Fantasia, da sud a nord’, ideato e curato dal fantasiologo Massimo Gerardo Carrese […]” (“Caserta: giunge a Piedimonte Matese il Convegno Nazionale sull’Immaginario Linguistico”. 14 gennaio 2007, Adnkronos/metropolisinfo.it, Adnkronos web)

“[…] il fantasiologo di Caiazzo […]” ("’Panassurdismo’ in onda", Il Mattino – Caserta, 2 novembre 2008, Redazione)

“[…] Massimo Gerardo Carrese è un fantasiologo, cioè uno studioso di storia e caratteristiche della fantasia che coinvolge ambiti quali la linguistica e i giochi di parole, illustrandone le caratteristiche nell’ambito della vita quotidiana e delle discipline umanistiche, scientifiche, artistiche e ludiche […]” (“Il ‘fantasiologo’ di Caiazzo premiato a Venaria Reale”, IlMattino - Caserta , 18 ottobre 2011, Redazione)

“Il fantasiologo Carrese alla Biblioteca Nazionale Cinese” (Titolo, Newsitaliapress.it, 15 luglio 2008 Redazione)

“IL FANTASIOLOGO - Massimo Gerardo Carrese studia storia e caratteristiche della fantasia unita alla linguistica generale e ai giochi di parole. Carrese si dedica a tempo pieno alla fantasia, ne studia gli aspetti storici, letterari, scientifici, ludici, artistici ma anche quelli relativi alla dimensione quotidiana. […]” (“Cos’è la fantasia? Ecco la risposta del ‘fantasiologo’ Carrese, Corriere del Mezzogiorno, 22 dicembre 2011, Redazione online)

“Il libro del fantasiologo Massimo Gerardo Carrese in Scozia” (Titolo, Primapress.it, 8 gennaio 2008 Redazione)

“[…] Fra le varie personalità omonime: - letterati e saggisti: Massimo Gerardo Carrese (fantasiologo e ludogrammatico) […]” (Voce Massimo, sito Focus Nostrofiglio.it, Redazione online, scheda di Michele Francipane)

“[…] incontro con il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese, esperto di storie e caratteristiche della fantasia e dell'immaginazione, converserà sui ruoli dell'immaginazione in ambito comunicativo.” (Agenda, La Repubblica - Napoli, 3 giugno 2014)

“Ad Anzio il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese” (Titolo, L’Unico – Quotidiano web di Roma, 8 aprile 2009 Redazione)

“A Cusano Mutri incontro con il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese” (Titolo, NTR24.it, 20 dicembre 2011 Redazione)

 “Carrese il fantasiologo” (Titolo, sezione Scritti & Parlati, Giornale di Sicilia, 21 aprile 2007 Redazione)

“Nutrito il parterre degli ospiti […] al ‘fantasiologo’ Massimo Gerardo Carrese. (“Comunicazione e nuovi linguaggi, il seminario alla ‘Vanvitelli’”, Il Mattino – Caserta, 23 gennaio 2015 Redazione)

“Carrese decanta in pieno centro – il fantasiologo in occasione della giornata del Libro e del Diritto d’Autore” (Titolo, Gazzetta – Caserta, 22 aprile 2008 Redazione)

“[…] è stato chiamato un esperto, un fantasiologo, Massimo Gerardo Carrese, che terrà una lezione sulla narrazione […]” (“Favole nelle scuole, a Cervinara le raccontano i genitori”, Il Mattino – Avellino, 6 maggio 2011, Pa.Pa)

“[…] e i percorsi linguistici realizzati dal fantasiologo M. G. Carrese per sperimentare itinerari ludici nella lingua italiana.” (“A Cervinara la “Festa del Libro”, Ottopagine 29 aprile 2010 Fabrizia Barbarisi)

 “[…] incontro con la fantasia "Meraviglie del Gioco (non solo di parole)", a cura del fantasiologo Massimo Gerardo Carrese.” (Appuntamenti, La Repubblica – Napoli, 14 ottobre 2012 Redazione)

 “"Conversazioni sulla Fantasia" del Fantasiologo Massimo Gerardo Carrese” (Giorno & Notte, La Repubblica - Bologna, 15 maggio 2009 Redazione)

“[…] incontro […] con il ‘fantasiologo’ Gerardo Carrese” (Fuori Roma, La Repubblica – Roma, 25 febbraio 2012 Redazione)

“FANTASIOLOGO […] incontro con Massimo Gerardo Carrese per una conferenza sul tema ‘Che cos'è la fantasia’”. (Appuntamenti, La Repubblica - Roma, 12 gennaio 2012 Redazione)

“Conferenze FANTASIOLOGO […] il fantasiologo Massimo Gerardo Carrarese terrà una conferenza dal titolo «Immaginarsi immaginare».” (Giorno & Notte, La Repubblica – Bologna, 25 gennaio 2012)




rompicapo fantasiologico (2015)



Massimo Gerardo Carrese (2016)



da sin: Rosanna Marziale, Massimo Gerardo Carrese, Loreto Marziale. In piedi, Franco Tontoli


Indietro

©2005-2017. Il sito www.fantasiologo.comè proprietà intellettuale di Massimo Gerardo Carrese. È vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e modo, di tutte le parti contenute in esso (immagini, sfondi, testi, musiche, poesie...) previa comunicazione scritta all'autore fantasiologo@fantasiologo.com Ogni abuso sarà punito a norma di legge.