NEWS
27/08/2021

SUONI DALLA KAMCHATKA
impro live with DNA (Daniela Allocca) and
Curmudgeonly Wazzocks (Massimo Gerardo Carrese)


ON YOUTUBE click here
(extract)


----




TWO OF FIFTEEN PETALS (on youtube)

è un album dedicato all'errore compositivo e all'impossibilità di riprodurlo fedelmente. A differenza di una composizione ben scritta e suonata, l'errore è quasi sempre non riproducibile nella sua essenza e dunque è una estrema particolarità della composizione musicale. Il musicista qui esplora l'errore improvvisando con diversi strumenti e con la voce. Il fatto che né gli strumenti né la voce siano sempre intonati (con differenze tra tempi e ritmi) è intenzionale proprio per esplorare l'errore non nelle sue forme più complesse ma per iniziare ad approfondirne alcune caratteristiche. Tema dell'album è concentrarsi sull'errore musicale e chiedersi se possa essere riprodotto fedelmente così come possiamo fare con una composizione musicale ben scritta.

it is an album dedicated to the compositional error and the impossibility of reproducing it faithfully. Unlike a well written and played composition, the error is almost always not reproducible in its essence and therefore it is an extreme peculiarity of the musical composition. The musician here explores the mistake by improvising with different instruments and with the voice. The fact that neither the instruments nor the voice are always in tune (with differences between tempos and rhythms) is intentional precisely to explore the error not in its most complex forms but to begin to deepen some of its characteristics. The theme of the album is to focus on the musical error and asks whether the error can be reproduced as faithfully as we do with a well-written musical composition.

***





 
"Molti improvvisatori trovano fruttuosa l'improvvisazione, io credo, a causa delle sue possibilità.
Cose che magari potrebbero accadere ma che poi in realtà non accadono. Una di tali cose è che si è tratti 'fuori da sé'.
Cioè, accade qualcosa che disorienta in misura tale che, per un secondo o due, le reazioni delle persone non sono le stesse che sarebbero in condizioni normali. Si può fare qualcosa di cui non si pensava di essere capaci."
(Derek Bailey)



extracts from improvisations
audio

**
extracts from improvisations

video 1
video 2
video 3
video 4
video 5

/|




bands

Bi-Bon-Wazzocks


Lino Barbiero (Bibonzo), batteria,  e Massimo Gerardo Carrese (Curmudgeonly Wazzocks), chitarra, flauti, spatial voice, live synths & sampler. Lino è pompiere. Massimo è uno studioso di Storia e caratteristiche della Fantasia, dell'Immaginazione, della Creatività. 

Insieme suonano dal 1998. Nel corso degli anni hanno dato vita a diversi gruppi (vedi in basso) sviluppando nel tempo la loro vera passione musicale, quella della totale improvvisazione sia in ambito live sia in studio.

Definiscono il loro genere musicale “psichedelia sperimentale” perché la loro musica si compone di suoni “in fase di prova” (sperimentale) su sonorità perlopiù space rock, orientali e progressive (psichedelica) da cui nasce un unico pezzo improvvisato. Ogni performance è irripetibile. 

Nel febbraio 2013, dopo tre anni di progetti solisti, decidono di formare a Roma il duo Bi-Bon-Wazzocks esibendosi live con 40 minuti no stop di improvvisazione (che si può ascoltare qui). 

Il gruppo non è più in attività.









Curmudgeonly Wazzocks

Massimo Gerardo Carrese aka Curmudgeonly Wazzocks inizia il suo percorso musicale nel 1994. Da autodidatta suona la chitarra classica, acustica, elettrica; flauto; basso; synths; pianoforte; effetti. Fino al 1998 forma vari gruppi, organizza stage di chitarra elettrica in Italia e in Svizzera e suona differenti generi (jazz, death & trash metal, blues, rock, grunge...). 

Dal 1998 si dedica alla psichedelia improvvisata (psichedelia sperimentale), prima con i The Most e poi con i Trialogo. Disegna le copertine dei suoi demo-album ed è autore di video psichedelici. Dal 1998 al 2010 suona in Italia come The Most, Trialogo, Traders, in Svizzera come Ngurzu, solista. La Musica dal vivo, suonata e ascoltata, lo porta a incontrare molti musicisti, fra tutti gli Ozric Tentacles, con cui condivide dal 1999 un sentimento di forte amicizia.  

Dal 2010 al 2012 crea e sperimenta suoni (strutturando algoritmi) nella sua casa in campagna immaginando "live" in luoghi del Mondo: frammenti di sue immaginazioni sono pubblicati su youtube (vedi qui). Riprende la sua attività live nel dicembre 2012.

Nel 2016 inizia un progetto dedicato ai suoi live immaginari...

Nel 2020 è uscito il suo album  TWO OF FIFTEEN PETALS  (Ngurzu Edizioni)


-






Curmudgeonly Wazzocks' Live Cosmic Equipment

 foto di Tiziana Sangiovanni

Amplifiers

Vox Venue 100W (keyboards and synths + bass + flutes & spatial voice)
Roland 150W (guitar)
Semi-homemade amp 170W (keyboards and synths + guitar + flutes & spatial voice)
Topp Pro TPS ARK-8A 2x150W (monitors)

Keyboards, Synths, Sampling & Sequencing

Roland Em 50 + Sustain Pedal
Korg Esx Red (two tubes)
Novation Ultranova + Expression Pedal
Novation Remote 49 LE

All sounds are created in studio by Curmudgeonly Wazzocks 
with algorithms and study/combination of waveforms.

Guitars & Bass


Acoustic Squirrel (1995)
Ibanez Rg350EXZ (black)
Unknown Bass


Flutes

Bontempi Rb 34/n
Reed Flute in B
Quena
BUDAPEST FLUTES
bratislava flute
Travel didgeridoo

Pedal, Mixer, Equalizer, Digital Recorder

JamMan Solo (loop phrase sampler)
EBow Plus
Boss GT-8
Line6 FM4 Filter
Line6 DL4 Modeler
Wah Wah Model JH1 
Lol's Effect (flute)
Behringer 12 channel (mixer)
Proel 4 channel (mixer)
Proel Mic (flute&voice)
Behringer DEQ1024 (equalizer)
Zoom h1 (digital recorder - live)







The Most

Nel 1998 con Lino Barbiero (batteria) e Lol Simmonds (basso ed effetti) dà vita ai The Most (psychedelic rock space jazz) a cui si aggiunge Raffaele Santabarbara (sax, clarinetto, tastiere, effetti). Inizia così un percorso musicale dedicato all'improvvisazione e a lunghe registrazioni (su minidisc e nastro) che il gruppo distribuisce tra amici. Dei molti lavori autoprodotti Curmudgeonly Wazzocks (registrato su nastro, anno 2000) è in assoluto quello che riceve più consensi anche da parte di gruppi come Ozric Tentacles e Gong. Curmudgeonly Wazzocks diventerà lo pseudonimo ideato da Lol per Massimo Gerardo Carrese. Nel 2001 il gruppo registra Wayang che da subito ottiene visibilità su riviste musicali nazionali ed estere (es. The Most in “Fun House” Rivista Italiana N. 3, settembre / ottobre 2001,; The Review a cura di Progresy Tripody, Slovenia 2001) e passaggi in trasmissioni radiofoniche perlopiù straniere (es. The Most on Supanova Radio – Great Britain, a cura di Stream Show, Londra 2001 e 2002).



-

Trialogo

Dopo due anni di attività e concerti il gruppo cambia formazione e diventa Trialogo (Lino, Lol, Curmudgeonly Wazzocks). I tre registrano due album The zone of next development (2003) e Live Stendec (2004) che confermano la vena strumentale e psichedelica del gruppo.

Progetti Solisti   

Nel 2006 Curmudgeonly Wazzocks segue progetti solisti. Registra Unique - opera prima per pianoforte a coda (2006), improvvisazione in studio (suonato senza sentire lo strumento) - e Helandroscope (2006) di tono psichedelico - sperimentale. Molte sono le ludiche sperimentazioni: dalla chitarra accordata secondo particolari strutture armoniche al suo gioco musicale 'panassurdo' Nuance (ingl. sfumatura): da tre elementi - lettere e parole, una formula matematica, elementi dettati dal caso - si generano armoniche sequenze di note da disporre sulle linee del tabulato.

Traders

Il gruppo nasce nel luglio 2005 quando Sergio Albano (chitarra), Massimo Gerardo Carrese (inizialmente chitarra, poi basso) e Lino Barbiero (batteria) suonano al Meeting Copyleft Music a Bologna. Dal 2006 al 2010 lavorano alla loro musica registrando pezzi e suonando dal vivo.  

Hanno pubblicato un solo pezzo, "Frogs" (ascoltabile qui gratis), in Piano Sequenza, retrospettiva di musica a Napoli negli anni '00 a cura di  KorovaMilkBar e del Tpa arkfotolab, 2010.

 

Indietro

©2005-2021. Massimo Gerardo Carrese