ANNO 2019

Selezione casuale dei principali articoli in rete e cartacei

per altre notizie digitare su Google "Massimo Gerardo Carrese" o "fantasiologo"


Rassegna Stampa su Massimo Gerardo Carrese





Livio Sossi, grande studioso e professore di Storia e Letteratura per l'infanzia, si è spento improvvisamente
21/02/2019

 "Cronache della Campania"
https://www.cronachedellacampania.it/2019/02/livio-sossi-grande-studioso-e-professore-di-storia-e-letteratuta-per-linfanzia-si-e-spento-improvvisamente/


Il mondo della cultura piange la scomparsa di un grande studioso. Livio Sossi.
20/02/2019

 "Infosannionews"
https://www.infosannionews.it/?p=159304

Livio Sossi. Si è spento oggi improvvisamente il grande studioso di Letteratura per l’Infanzia che lo scorso novembre era stato a Benevento in occasione del Festival Fantasiologico ideato da Massimo Gerardo Carrese. Il mondo della cultura perde oggi un grande studioso. Livio Sossi, professore di Storia e Letteratura per l’infanzia all’Università di Udine e all’Università di Capodistria, saggista, esperto di editoria e di illustrazione, è venuto a mancare oggi improvvisamente. La notizia ha profondamente scosso il mondo culturale, soprattutto quello dell’editoria e dell’illustrazione. Sossi, triestino, era stato a Benevento lo scorso 24 novembre in occasione del Festival Fantasiologico ideato e curato dal fantasiologo Massimo Gerardo Carrese presso la Rocca dei Rettori. Insieme allo stesso Carrese, all’editore Marcello Buonomo e all’illustratrice Resli Tale, aveva discusso sul tema provocatorio “La fantasia non esiste”. Il professore Sossi ha condotto per anni il programma radiofonico sulla letteratura per ragazzi “Dorothy & Alice” in onda su radio Capodistria (Slovenia). Direttore artistico del polo museale dello Spazio Brazzà a Moruzzo, consulente editoriale per diverse case editrici, presidente e componente di giuria di noti premi di letteratura e illustrazione per l’infanzia. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti tra cui il Premio Fantasia d’Oro per la critica e la Medaglia d’Oro del Ministero della Cultura della Repubblica Slovacca.




La creatività? Non solo per gli artisti e un po’ ne siamo tutti custodi. Parola del fantasiologo Carrese

13/02/2019

 "Clarus"
https://www.clarusonline.it/2019/02/13/la-creativita-non-solo-per-gli-artisti-e-un-po-ne-siamo-tutti-custodi-parola-del-fantasiologo-carrese/?fbclid=IwAR3geNwDXMfVsIxoEJndN7nSQapo2SJ13Fq2yXcjZEOGgBZP5qgnv0h2mUY

di Annamaria Tartaglia. La Società Dante Alighieri ha promosso l’iniziativa “adotta una parola” e chi meglio del fantasiologo caiatino Massimo Gerardo Carrese poteva farsi custode della parola Creatività? Ha deciso, infatti, di adottare questo termine per un anno allo scopo di sensibilizzarne l’uso corretto e consapevole e non a caso la società Dante Alighieri l’ha inserita tra le parole a rischio.
E non è la prima volta che il fantasiologo si imbatte in simili imprese al fine di tutelare il buon uso di alcune parole: un anno fa ha lavorato su “spasseggiare” e prima ancora su “inimmaginabilità”.

Per approfondire
Abbiamo diverse definizioni di creatività, potremmo partire dalla sua etimologia. La creatività, come palesa il suffisso “-ività”, denota un’attitudine – in particolare, l’attitudine alla creazione. Deriva infatti dal verbo creare che in latino condivide con crescere la radice kar. In sanscrito kar-tr è colui che fa dal niente, il creatore. Secondo Freud “La creatività è un tentativo di risolvere un conflitto generato da pulsioni istintive biologiche non scaricate, perciò i desideri insoddisfatti sono la forza motrice della fantasia ed alimentano i sogni notturni e quelli a occhi aperti”. Per Piero Angela, divulgatore scientifico, è la capacità di porsi continuamente domande. Per lo psicanalista Erik Fromm, “la creatività richiede il coraggio di abbandonare le certezze”. Il sostantivo creatività è di difficile definizione, qualsiasi descrizione venga fatta gli sta stretta. Perché la creatività è borderline, non la puoi chiudere in una definizione statica. Confusa spesso con l’immaginazione e la fantasia, la creatività è legata alla combinazione in modo nuovo, con fantasia e immaginazione, di elementi preesistenti.
Spesso, infatti, si crede che la creatività sia una dote innata che o la si possiede dalla nascita o non ci sono speranze. Molti pensano che la creatività sia dello scrittore e non dell’imbianchino, del poeta e non del commercialista, invece non è così.
Un pregiudizio da superare: la creatività può essere coltivata, non a caso il fantasiologo tiene incontri anche con i bambini, perchè è da piccoli che è possibile alimentare la curiosità, la fantasia e, appunto, la creatività. Per concludere con le parole di Albert Einstein, la creatività “non è altro che un’intelligenza che si diverte”.



Società Dante Alighieri, al fantasiologo Carrese la custodia della parola "Creatività"
06/02/2019
 "Ntr24"
http://www.ntr24.tv/2019/02/06/societa-dante-alighieri-al-fantasiologo-carrese-la-custodia-della-parola-creativita/

Nell’ambito dell’iniziativa “Adotta una parola” promossa dalla Società Dante Alighieri, lo studioso Massimo Gerardo Carrese diventa per un anno custode della parola “Creatività” per sensibilizzare il pubblico a un suo uso corretto e consapevole. La Società Dante Alighieri ha inscritto questa parola tra quelle “a rischio”, proprio perché di essa si fa un uso ambiguo. Massimo Gerardo Carrese, studioso degli aspetti scientifici, umanistici, ludici e artistici della fantasia, dell’immaginazione e della creatività, da anni partecipa all’iniziativa “Adotta una parola” promossa dalla Alighieri e nel tempo ha custodito e divulgato parole quali Alfabetario-Alfabetiere; Fantasiosità; Onomaturgo; Inimmaginabilità; Spasseggiare.Vocaboli che lo studioso usa nei suoi scritti e incontri di  fantasiologia in scuole, università, librerie e associazioni d’Italia (il suo blog è www.fantasiologo.com). Che cos’è la creatività? Per il designer Bruno Munari è un uso finalizzato della fantasia e dell’invenzione. Per Edward De Bono, padre del pensiero laterale, è la risorsa umana più importante e senza di essa non ci sarebbe progresso. Per Piero Angela, divulgatore scientifico, è la capacità di porsi continuamente domande. Per lo psicanalista Erik Fromm, la creatività richiede il coraggio di abbandonare le certezze. Tra le voci più ambigue dei nostri tempi, il sostantivo “creatività” significa tutto e niente. Talora è associata alla follia, altre volte alla genialità, la parola “creatività” resta tra le voci più difficili da definire.
“Confusa spesso con l’immaginazione e la fantasia – racconta il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese – la creatività è legata al fare con metodo, con progettualità. Creatività è combinare in modo nuovo, con fantasia e immaginazione, elementi preesistenti per un uso finalizzato. Di tutt’altro parere è il senso comune che vede la creatività nel musicista e non nel contadino, nel poeta e non nel notaio, nel pubblicitario e non nella ditta di pulizie e questo porta a conseguenze sociali e didattiche anche gravi – continua Carrese – soprattutto quando ci fanno credere che non tutti possono essere creativi.”




"Adotta una parola": la "creatività adottata dal fantasiologo Massimo Gerardo Carrese
06/02/2019
"matesenews"
https://www.matesenews.it/caiazzo-adotta-una-parola-la-creativita-adottata-dal-fantasiologo-massimo-gerardo-carrese/

“Confusa spesso con l’immaginazione e la fantasia la creatività è legata al fare con metodo, con progettualità”.

Nell’ambito dell’iniziativa “adotta una parola” promossa dalla Società Dante Alighieri, lo studioso Massimo Gerardo Carrese diventa per un anno custode della parola CREATIVITÀ per sensibilizzare il pubblico a un suo uso corretto e consapevole Che cos’è la creatività? Per il designer Bruno Munari è un uso finalizzato della fantasia e dell’invenzione. Per Edward De Bono, padre del pensiero laterale, è la risorsa umana più importante e senza di essa non ci sarebbe progresso. Per Piero Angela, divulgatore scientifico, è la capacità di porsi continuamente domande. Per lo psicanalista Erik Fromm, la creatività richiede il coraggio di abbandonare le certezze. Tra le voci più ambigue dei nostri tempi, il sostantivo “creatività” significa tutto e niente. Talora è associata alla follia, altre volte alla genialità, la parola “creatività” resta tra le voci più difficili da definire. «Confusa spesso con l’immaginazione e la fantasia – racconta il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese – la creatività è legata al fare con metodo, con progettualità. Creatività è combinare in modo nuovo, con fantasia e immaginazione, elementi preesistenti per un uso finalizzato. Di tutt’altro parere è il senso comune che vede la creatività nel musicista e non nel contadino, nel poeta e non nel notaio, nel pubblicitario e non nella ditta di pulizie e questo porta a conseguenze sociali e didattiche anche gravi – continua Carrese – soprattutto quando ci fanno credere che non tutti possono essere creativi.»

Massimo Gerardo Carrese per un anno avrà in custodia la parola “creatività” per sensibilizzare il pubblico al suo uso corretto e consapevole. La Società Dante Alighieri ha inscritto questa parola tra quelle “a rischio”, proprio perché di essa si fa un uso ambiguo. Massimo Gerardo Carrese, studioso degli aspetti scientifici, umanistici, ludici e artistici della fantasia, dell’immaginazione e della creatività, da anni partecipa all’iniziativa “adotta una parola” promossa dalla Alighieri (questo il link ufficiale: https://beatrice.ladante.it/) e nel tempo ha custodito e divulgato parole quali Alfabetario-Alfabetiere; Fantasiosità; Onomaturgo; Inimmaginabilità; Spasseggiare. Vocaboli che lo studioso usa nei suoi scritti e incontri di fantasiologia in scuole, università, librerie e associazioni d’Italia (il suo blog è www.fantasiologo.com).



La "creatività" adottata dal fantasiologo Massimo Gerardo Carrese
06/02/2019
"lacronacadinapoli.it"
https://www.lacronacadinapoli.it/2019/02/la-creativita-adottata-dal-fantasiologo-massimo-gerardo-carrese/

Nell’ambito dell’iniziativa “adotta una parola” promossa dalla Società Dante Alighieri, lo studioso Massimo Gerardo Carrese diventa per un anno custode della parola CREATIVITÀ per sensibilizzare il pubblico a un suo uso corretto e consapevole. Che cos’è la creatività? Per il designer Bruno Munari è un uso finalizzato della fantasia e dell’invenzione. Per Edward De Bono, padre del pensiero laterale, è la risorsa umana più importante e senza di essa non ci sarebbe progresso. Per Piero Angela, divulgatore scientifico, è la capacità di porsi continuamente domande. Per lo psicanalista Erik Fromm, la creatività richiede il coraggio di abbandonare le certezze. Tra le voci più ambigue dei nostri tempi, il sostantivo “creatività” significa tutto e niente. Talora è associata alla follia, altre volte alla genialità, la parola “creatività” resta tra le voci più difficili da definire. “Confusa spesso con l’immaginazione e la fantasia – racconta il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese – la creatività è legata al fare con metodo, con progettualità. Creatività è combinare in modo nuovo, con fantasia e immaginazione, elementi preesistenti per un uso finalizzato. Di tutt’altro parere è il senso comune che vede la creatività nel musicista e non nel contadino, nel poeta e non nel notaio, nel pubblicitario e non nella ditta di pulizie e questo porta a conseguenze sociali e didattiche anche gravi – continua Carrese – soprattutto quando ci fanno credere che non tutti possono essere creativi.”
Massimo Gerardo Carrese per un anno avrà in custodia la parola “creatività” per sensibilizzare il pubblico al suo uso corretto e consapevole. La Società Dante Alighieri ha inscritto questa parola tra quelle “a rischio”, proprio perché di essa si fa un uso ambiguo. Massimo Gerardo Carrese, studioso degli aspetti scientifici, umanistici, ludici e artistici della fantasia, dell’immaginazione e della creatività, da anni partecipa all’iniziativa “adotta una parola” promossa dalla Alighieri e nel tempo ha custodito e divulgato parole quali Alfabetario-Alfabetiere; Fantasiosità; Onomaturgo; Inimmaginabilità; Spasseggiare. Vocaboli che lo studioso usa nei suoi scritti e incontri di fantasiologia in scuole, università, librerie e associazioni d’Italia (il suo blog è www.fantasiologo.com)

La "creatività" adottata dal fantasiologo Massimo Gerardo Carrese
06/02/2019
"Caleno24ore"
https://www.caleno24ore.it/wordpress/91791/la-creativita-adottata-dal-fantasiologo-massimo-gerardo-carrese.html

CAIAZZO – Che cos’è la creatività? Per il designer Bruno Munari è un uso finalizzato della fantasia e dell’invenzione. Per Edward De Bono, padre del pensiero laterale, è la risorsa umana più importante e senza di essa non ci sarebbe progresso. Per Piero Angela, divulgatore scientifico, è la capacità di porsi continuamente domande. Per lo psicanalista Erik Fromm, la creatività richiede il coraggio di abbandonare le certezze. Tra le voci più ambigue dei nostri tempi, il sostantivo “creatività” significa tutto e niente. Talora è associata alla follia, altre volte alla genialità, la parola “creatività” resta tra le voci più difficili da definire. «Confusa spesso con l’immaginazione e la fantasia – racconta il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese – la creatività è legata al fare con metodo, con progettualità. Creatività è combinare in modo nuovo, con fantasia e immaginazione, elementi preesistenti per un uso finalizzato. Di tutt’altro parere è il senso comune che vede la creatività nel musicista e non nel contadino, nel poeta e non nel notaio, nel pubblicitario e non nella ditta di pulizie e questo porta a conseguenze sociali e didattiche anche gravi – continua Carrese – soprattutto quando ci fanno credere che non tutti possono essere creativi.»Massimo Gerardo Carrese per un anno avrà in custodia la parola “creatività” per sensibilizzare il pubblico al suo uso corretto e consapevole. La Società Dante Alighieri ha inscritto questa parola tra quelle “a rischio”, proprio perché di essa si fa un uso ambiguo. Massimo Gerardo Carrese, studioso degli aspetti scientifici, umanistici, ludici e artistici della fantasia, dell’immaginazione e della creatività, da anni partecipa all’iniziativa “adotta una parola” promossa dalla Alighieri (questo il link ufficiale: https://beatrice.ladante.it/) e nel tempo ha custodito e divulgato parole quali Alfabetario-Alfabetiere; Fantasiosità; Onomaturgo; Inimmaginabilità; Spasseggiare. Vocaboli che lo studioso usa nei suoi scritti e incontri di fantasiologia in scuole, università, librerie e associazioni d’Italia (il suo blog è www.fantasiologo.com). 


Si è tenuto a Napoli il corso di formazione a cura del fantasiologo Massimo Gerardo Carrese
29/01/2019
"Cronache della Campania"
https://www.cronachedellacampania.it/2019/01/si-e-tenuto-a-napoli-il-corso-di-formazione-a-cura-del-fantasiologo-massimo-gerardo-carrese/

Si è tenuto a Napoli nei giorni 26 e 27 gennaio presso il Consiglio Europeo Sviluppo Umano (via Francesco De Mura), il corso di formazione "Fantasiologia: per uno studio della fantasia, dell'immaginazione e della creatività" a cura dello studioso Massimo Gerardo Carrese, professione fantasiologo (voce citata anche nell’Enciclopedia Treccani Online), e rivolto a docenti, a operatori culturali, a curiosi e appassionati. Carrese, esperto di Storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione, ha invitato gli iscritti al corso alla scoperta scientifica, umanistica, ludica e artistica della FANTASIA (facoltà del possibile - fantasiare), dell’IMMAGINAZIONE (facoltà dell’azione - immaginare), della CREATIVITÀ (facoltà del modo e del fine - creare). «Fantasia, immaginazione, creatività – scrive Carrese sul suo blog www.fantasiologo.com – sono parole svilite nel linguaggio comune a soli momenti di ricreazione mentale ed evasione dalla realtà, a eventi astratti, a circostanze infantili, a essere sinonimi (anche del verbo fantasticare). C’è, invece, dell’altro. Per quanto insolito possa sembrare la fantasia, l’immaginazione, la creatività si studiano. E da tempo. A esse si sono dedicati - continua Carrese - filosofi, artisti, musicisti, letterati ma anche psicologi, scienziati: da Platone a Bruno Munari, da Aristotele a Rosalind Franklin, da Dante a Italo Calvino, da Fred Forest ad Annamaria Testa e Gianni Rodari, da Samuel Taylor Coleridge a Umberto Eco, da Kumi Yamashita a Flavia Mastrella e oltre. Finalità del corso è stato introdurre i partecipanti ai temi della fantasiologia attraverso esercizi interattivi e riflessioni interdisciplinari per ri-scoprire sorprese (meraviglie) e spaesamenti (inquietudini) che riservano la fantasia, l’immaginazione e la creatività quando esplorate con consapevolezza nel nostro vivere quotidiano.» La formazione si è tenuta presso il Consiglio Europeo Sviluppo Umano con sede a Napoli, un centro di formazione e counseling che sostiene la crescita dell‘intelligenza emotiva delle persone.


Caserta. Bambini in cucina :all’Enoteca Provinciale la chef stellata Rosanna Marziale e il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese incontrano i bambini
05/01/2019
"Belvedere News"
https://www.belvederenews.net/caserta-bambini-in-cucina-allenoteca-provinciale-la-chef-stellata-rosanna-marziale-e-il-fantasiologo-massimo-gerardo-carrese-incontrano-i-bambini/

Caserta. Ieri 5 gennaio, in occasione dell’ultimo evento “Suggestioni di Natale in Enoteca”, organizzato dalla Camera di Commercio di Caserta, si è tenuto il Laboratorio di cucina per bambini a cura della chef stellata Rosanna Marziale del ristorante Le Colonne di Caserta. La chef ha incontrato i bambini per realizzare e decorare insieme a loro dei biscotti di pasta frolla. L’incontro è stato aperto dal fantasiologo Massimo Gerardo Carrese, studioso di Storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione, che ha presentato alcune sue riflessioni e giochi inerenti gli utensili della cucina, ha mostrato per esempio come fare il giro del mondo con una forchetta, un cucchiaio e un coltello. L’incontro, a ingresso gratuito, si è svolto dalle 17 alle 20 presso l’Enoteca Provinciale in via Cesare Battisti.


CAIAZZO / CASERTA. Bambini in cucina: all’Enoteca Provinciale la chef stellata Rosanna Marziale e il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese incontrano i bambini.
05/01/2019
"Matese News"
https://www.matesenews.it/caiazzo-caserta-bambini-in-cucina-allenoteca-provinciale-la-chef-stellata-rosanna-marziale-e-il-fantasiologo-massimo-gerardo-carrese-incontrano-i-bambini/

Il fantasiologo di Caiazzo e la chef stellata casertano incantano i più piccoli. Ieri 5 gennaio, in occasione dell’ultimo evento “Suggestioni di Natale in Enoteca”, organizzato dalla Camera di Commercio di Caserta, si è tenuto il Laboratorio di cucina per bambini a cura della chef stellata Rosanna Marziale del ristorante Le Colonne di Caserta. La chef ha incontrato i bambini per realizzare e decorare insieme a loro dei biscotti di pasta frolla. L’incontro è stato aperto dal fantasiologo Massimo Gerardo Carrese, studioso di Storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione, che ha presentato alcune sue riflessioni e giochi inerenti gli utensili della cucina, ha mostrato per esempio come fare il giro del mondo con una forchetta, un cucchiaio e un coltello. L’incontro, a ingresso gratuito, si è svolto dalle 17 alle 20 presso l’Enoteca Provinciale in via Cesare Battisti.


All’Enoteca Provinciale di Caserta la chef stellata Rosanna Marziale e il fantasiologo Massimo Gerardo Carrese incontrano i bambini
05/01/2019
"Caleno 24 ore"
https://www.caleno24ore.it/wordpress/90205/allenoteca-provinciale-di-caserta-la-chef-stellata-rosanna-marziale-e-il-fantasiologo-massimo-gerardo-carrese-incontrano-i-bambini.html

CASERTA – Ieri 5 gennaio, in occasione dell’ultimo evento  “Suggestioni di Natale in Enoteca”, organizzato dalla Camera di Commercio di Caserta, si è tenuto il Laboratorio di cucina per bambini a cura della chef stellata Rosanna Marziale del ristorante Le Colonne di Caserta. La chef ha incontrato i bambini per realizzare e decorare insieme a loro dei biscotti di pasta frolla. L’incontro è stato aperto dal fantasiologo Massimo Gerardo Carrese, studioso di Storie e caratteristiche della fantasia e dell’immaginazione, che ha presentato alcune sue riflessioni e giochi inerenti gli utensili della cucina, ha mostrato per esempio come fare il giro del mondo con una forchetta, un cucchiaio e un coltello. L’incontro, a ingresso gratuito, si è svolto dalle 17 alle 20 presso l’Enoteca Provinciale in via Cesare Battisti.


  INDIETRO

©2005-2019. Il sito www.fantasiologo.com è proprietà intellettuale di Massimo Gerardo Carrese. È vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e modo, di tutte le parti contenute in esso (immagini, sfondi, testi, musiche, poesie...) previa comunicazione scritta all'autore fantasiologo@fantasiologo.com Ogni abuso sarà punito a norma di legge.