"Acqua Sonante" di Massimo Gerardo Carrese

Parafrasi dei bambini della Scuola Primaria di Caiazzo (Ce) - anno 2005

 pubblicata sul sito della Società Dante Alighieri Polonia, giugno 2012


 Testo originale (Massimo Gerardo Carrese)                                                                        Parafrasi dei bambini (età 7 anni)*

Acqua Sonante                                                                                                                                           Il suono dell'acqua

                                                                                                                                                

Ròluna l'acqua sonante e deggia mètica l'ara                                                               Scorre l'acqua che suona e ondeggia ermetica l'aria

brivia il suo cammino scansando l'oppo con cura                                                        Segue il suo cammino scansando il pioppo con cura    

e nella cisterna ove acqurta                                                                                             E nella cisterna, dove l'acqua si ferma

una cìnula praesca tica il rove                                                                                         Un pesce costruisce una casa

e l'eggia d'una riva par ropparsi.                                                                                    Il lato della riva sembra rompersi

 

Ma la nica dondola serena fra le montònidi noppe.                                                      E la bambina continua a dondolare serena fra le montagne di notte. 

Sporgata e sgurgita dai sassi s'assesta in trove.                                                          L'acqua che segue il suo cammino tra i sassi si quieta  

Il pericolo sembra dulcigato                                                                                             Il pericolo è passato

e la brosa ìnula or salva                                                                                                    E un pesce si salva dalla tempesta

soltroppa le breie della rivia.                                                                                            E saltella ai bordi della riva     

 

E il silenzio cinuloso                                                                                                          E il silenzio più silenzioso

acista la pòrgata breia.                                                                                                      Tranquillizza di nuovo la natura

*La parafrasi è tratta da M. G. Carrese, Fantasia della Parola e dell'Immagine, Ngurzu Edizioni, Caiazzo 2006



Indietro

©2005-2018. Il sito www.fantasiologo.com è proprietà intellettuale di Massimo Gerardo Carrese. È vietata la riproduzione, parziale o totale, in qualsiasi forma e modo, di tutte le parti contenute in esso (immagini, sfondi, testi, musiche, poesie...) previa comunicazione scritta all'autore fantasiologo@fantasiologo.com Ogni abuso sarà punito a norma di legge.